img_20160910_105009

L’ umore degli uomini

Gli uomini si incazzano.
Gli uomini si incazzano se te ne vai,
se resti.
Gli uomini si incazzano
se gli scrivi una lettera,
ma anche se non gliela scrivi.
Gli uomini si incazzano
se parli,
se stai zitta.
Se li segui,
se te ne resti a casa.

Gli uomini?
Si incazzano.

Se fai le cose,
se le disfi.
Se ridi troppo,
ma anche se piangi troppo.
Se li preghi?
Si incazzano.
Ti fai pregare?
Si incazzano.
Li vuoi,
si incazzano.
Non li vuoi?
Gli uomini si incazzano.
Se fai le valigie,
si incazzano.
Se torni a casa si incazzano.
Se hai un amante,
se non ce l’hai.

Gli uomini
si incazzano.

Se vuoi una famiglia,
se non la vuoi.
Se vuoi un figlio,
si incazzano.
Se non lo vuoi,
si incazzano.
Se vuoi stare da sola,
o se vuoi stare con lui.
Se vuoi lavorare,
o se vuoi stare a casa.
Se ti piace il sesso,
gli uomini si incazzano.
Ma anche se non ti piace.
Gli uomini si incazzano
se ti occupi dei loro figli,
ma anche se non te ne occupi.
Se ti piacciono le cose
di cui si occupano loro,
ma anche se non ti piacciono.
Gli uomini si incazzano
se esci,
se non esci.
Se rispondi subito al telefono,
ma anche se ci metti troppo.

Gli uomini
si incazzano.

Se sei troppo giovane e li vuoi,
gli uomini si incazzano,
ma anche se sei troppo vecchia.
Se pulisci troppo la casa,
se non la pulisci.
Se ti piace la vacanza,
se non ti piace per niente.
Se mangi troppo,
se non mangi niente.
Se li guardi,
se non li guardi.
Se una donna è troppo bella
gli uomini si incazzano
ma si incazzano anche
se una donna è brutta.

E non si incazzano
solo il marito, l’amante, il fratello,
il figlio, il padre.
Per motivi diversi,
ognuno diverso dall’altro.
No, si incazza il commesso del negozio
il professore
il vigile,
se non sei veloce a passare.
Il maestro
se non sei agile.
L’impiegato,
se ti fermi a pensare,
con il modulo in mano.

Gli uomini si incazzano.
Poi, le isteriche sono le donne.

  •  
  •  
  •