1-7

Boogie Nigths il porno, Sara Tommasi e la volontà individuale

Bisogna non aver mai visto neanche Boogie Nights, un film sull’industria del porno negli Stati Uniti del 1997, per sostenere come fa qualcuno che la Tommasi, “poveretta”, vada aiutata.
E d’accordo che in Italia il porno è un argomento tabù, e come la parola lesbica già suona male. Ma un attimo di pazienza e di analisi razionale male – sul serio – non potrà fare a nessuno. I fatti sono noti. Ce li sbattono in faccia da un paio di giorni. La soubrette Tommasi Sara, laureata in economia, già signorina alla corte di Silvio avrebbe girato un porno. Scandalo. Lettere di riprovazione. Insulti. Risate. Fino all’inevitabile dibattito, che consiste nella risposta alla domanda: la signorina va aiutata, demonizzata, o è una furba? Ecco il domandone.  Io non lo so. Sono solita accettare come frutto di libera scelta quello che le persone intraprendono nella loro vita.  In questo caso so che il comportamento della Tommasi è l’occasione per dire due cose su un argomento totalmente tabù in Italia.
Il porno, come quasi tutti sanno, è un genere in cui la sessualità è al centro della narrazione. In Italia parlare di sessualità, equivale a farsi deridere o a mettersi contro benpensanti di tutti i tipi. Perché dico in Italia? Ci sono paesi – i soliti paesi protestanti come la Svezia, la Danimarca, gli Stati Uniti che vengono citati in caso di prostituzione, eutanasia, diritti civili – in cui il genere porno è liberamente praticato, come si sa. Non solo. In cui è la base di un’industria produttiva altamente fiorente e soprattutto libera. In cui gli attori e le attrici ci arrivano per libera scelta, e guadagnano, quando va bene, anche fior di soldi.  Per non tirarmi addosso strali di tutti i tipi, e volendo in realtà parlare del rispetto della volontà che è dovuto a tutti gli individui, voglio adesso fare un altro esempio. Molti di voi avranno visto il film Hunger. Chi non l’ha fatto lo faccia, perché il film di Steve Mc Queen è una storia sulla diversa considerazione di cui il corpo degli esseri umani – di un uomo in questo caso, Bobby Sands, leader dell’Ira nell’Inghilterra fetente di Margaret Thatcher – gode nei paesi di religione protestante. La trama è semplice e nota. Bobby che sta in carcere, vuole essere riconosciuto come prigioniero politico, assieme ai suoi compagni, ma la Prima Ministra non ci sta. Per la Thatcher, Bobby e i suoi compagni sono solo delinquenti comuni che ammazzano e basta, e allora leader e compagni iniziano uno sciopero della fame che li porterà lentamente alla morte. Impressiona parecchio la presenza dei genitori di Bobby che seduti di fianco al suo letto, neanche per una volta dicono al figlio, “Mangia! Smettila!”, e rispettano invece la volontà del figlio. A nessuno passa per la testa di fare flebo non volute al leader, né agli altri. Non ci sono preti che si mettano in mezzo in nome di una generica umanità, o tolleranza. Bobby Sands sta conducendo una battaglia politica che viene rispettata da tutti, e seppure morendo, diventerà un eroe. Adesso, ho fatto questo esempio per dire. Ve la immaginate voi, una battaglia politica condotta così in Italia? Qualcuno che scelga un esito assoluto per il proprio corpo come la morte – l’esito finale – senza la squadrazza di suorine e pretacchioni di destra e di sinistra che si mettono in mezzo?   Squadre di militanti che si battono per la Vita, diventerebbero gli eroi, al posto dell’irresponsabile di turno che se la vuol togliere. Gli stessi si affretterebbero a infilzare il poveretto di aghi, pur di farlo sopravvivere. Togliendogli qualsiasi forma di dignità, politica e non. Mi guardo bene dal considerare Sara Tommasi una Bobby Sands. Per la portata della lotta politica che ha intrapreso, che a dire il vero, forse per mia superficialità non ho compreso. Però la rispetto. Rispetto la sua scelta di spogliarsi, di girare un film porno, di fare gli spettacoli dal vivo. Credo che relativamente al fatto di stare alla corte di Re Silvio – cosa per cui l’attrice mi era nota – l’attività di adesso costituisca un passo avanti. E non lo dico per moralismo contro le tavole dei ricchi, ma per il semplice fatto che lì l’esperienza consisteva nel prendere le briciole dalla tavola di un signore con molto potere decisionale, e in qualsiasi parte del mondo tu faccia un’esperienza così, il fatto quello è.
Il porno, anche se suona assurdo doverlo specificare, è una genere  cinematografico come un altro. Parlo della routine che il fare cinema comporta, ed è evidente che non sto parlando delle pellicole scellerate che vengono girate in poche ore con persone costrette o quasi.
Dico solo che considerare questa esperienza come l’esito negativo della prima – il fatto di prendere le briciole dalla tavola di un politico potente – significa non aver compreso né la prima né la seconda. Sull’uso della droga che lei stessa avrebbe detto di aver usato, si sa che in quel contesto, l’uso di droga è – relativamente – comune.
Lo è anche perché le leggi sull’uso degli stupefacenti, a loro volta sono diverse. Peraltro l’uso di droga in Italia è comune in quasi tutti i contesti, anche se ogni tanto si alza qualcuno e strilla come se fosse una pratica sconosciuta, pratica che solo i VD (Veri Delinquenti) fanno. Quante persone usano la marijuana sui set? Quante la cocaina? Chiunque abbia frequentato un set è in grado di rispondere a queste domande.
Credo ci sia una bella dose di ipocrisia in tutto ciò. Un bel velo di sconsideratezza anche.
Ma, per chi dice che chi fa porno vada aiutato. Ripeto: l’esperienza di guardarsi Boogie Nights di P.T. Anderson, potrebbe aiutare chi pensa al mondo del porno come a un mondo di tutti poveretti, tutti drogati, tutti pervertiti. Nella difesa del porno, che non intendo fare, o comunque non qui, in questa sede, c’è la difesa della libertà di scelta degli individui, cosa che in Italia è da sempre grandemente ostacolata.

  •  
  •  
  •  

11 pensieri su “Boogie Nigths il porno, Sara Tommasi e la volontà individuale

  1. Guardi che Bobby Sands è cattolico non protestante così come erano cattolici i suoi genitori. L'esempio non mi pare dei più pertinenti

  2. Ma è tutto orchestrato! Ma lei dove vive? Stanno facendo tutto questo can can solo per fare soldi. E lei parlandone non fa che stare al gioco dei press agent della poveretta, che accopperebbe il papà (oltre che Papi) per tirar su qualche euro…

  3. Ma non ti accorgi che Tommasi non sta bene? Che deve essere curata e invece si approfittano di lei? Non ci vuole molto per vedere la psicosi in questi comportamenti. Palesemente aggravati dalla droga. Non è detto che lei voglia curarsi, non è detto che si debba costringerla, ma è sicuramente deprecabile incoraggiarla e approfittare di lei. Il tuo post sarebbe condivisibile se la ragazza avesse una salute decente, io pure in generale la penso come te, ma non è così e quindi è semplicemente fuori dal mondo. Non usarla anche tu per sostenere quello che ti interessa.

  4. guardi anonymus che nel film si vede benissimo. e pensi che in un paese potestante persino i cattolici si adattano. se la ricorda la madre con in mano il rosario? no? beh, io si.
    non ho messo il particolare perché sarebbe diventato un po' lunghetto, no, nella descrizione?

  5. Sicuramente saprai che "Boogie Nigths" è la storia (liberamente tratta) di John Holmes.. e se leggi la sua triste storia.. capirai che l'Industria del porno, che definisci un genere come un altro, è tutt'altra cosa…

  6. anonymus, ahia. dal secondo commento direi che non ha letto tutto il post, ma lo fanno tutti di non leggere, quindi non la critico. come non critico quello che dice. come potrei? al primo commento invece rispondo. certo che l'industria del porno e tutta un'altra cosa. perché l'industria cinematografica non e tutt'altro da quel che si dice?

  7. 10 July 2013L’ortensia e8 un fiore che mi affascina moslistimo e quando arriva settembre-ottobre me ne preparo un bel mazzo da essiccare, per fare delle composizioni da mettere qui e le0 nella mia casa. Vedo perf2 anche un delizioso ricamo, davvero meraviglioso. Complimenti per questo nuovo banner! Paola

  8. 2 July 2013Here I am dear, la mia mail e8 , still appears on the right bar of my blog. As for how to floolw my blog, from July 1, all of us bloggers we spent Bloglovin. If you observe always the right bar of the blog, there is a small logo that shows just the written Blogolvin, it is sufficient if you click on it and ripigi over the mouth floolw . I hope I have been clear, if anything, I am always here! Until next time and thanks. Paola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *